f t g m
  • ISPICA

  • Pastori fondatori

  • Interno della sala di culto

  • Esterno della CHIESA

Copyright 2021 - Custom text here

Rivestiti dall'alto

 

Luca 24:49 Ed ecco io mando su di voi quello che il Padre mio ha promesso; ma voi, rimanete in questa città, finché siate rivestiti di potenza dall'alto».

 

Gesù quando soffiò sui discepoli lo Spirito Santo mise nel loro spirito la nuova natura, quella di DIO e non dipesero più dal diavolo ma dall’Eterno.

Poi, Gesù disse che in un secondo momento sarebbero stati rivestiti di potenza, cioè avrebbero ricevuto lo Spirito Santo su di loro per adempiere il mandato.

 

Atti 1:4 Trovandosi con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere l'attuazione della promessa del Padre, «la quale», egli disse, «avete udita da me. 5 Perché Giovanni battezzò sì con acqua, ma voi sarete battezzati in Spirito Santo fra non molti giorni».

 

E’ l’unzione che ci fa essere re e regine sul peccato e sul nemico delle anime nostre, e ci fa essere anche sacerdoti perché offriamo la nostra vita in sacrificio a DIO, ogni giorno.

DIO ha preparato una veste che riceviamo dall’alto con il battesimo dello Spirito Santo.

 

Esodo 28:40 Per i figli di Aaronne farai delle tuniche, farai delle cinture, farai delle mitre in segno di dignità e come ornamento.

 

Nell’Antico Testamento DIO aveva ordinato come dovevano essere vestiti i sacerdoti.

 

Efesini 4:24 e a rivestire l'uomo nuovo che è creato a immagine di Dio nella giustizia e nella santità che procedono dalla verità.

 

Colossesi 3:10 e vi siete rivestiti del nuovo, che si va rinnovando in conoscenza a immagine di colui che l'ha creato.

 

Questi sono i vestiti che si indossano con la nuova nascita per camminare nella misericordia, giustizia, nei frutti dello spirito. Quindi abbiamo due tipi di vestito: quello della potenza e quello delle caratteristiche del nostro spirito, secondo Gesù. La veste di potenza è quella che rende i cristiani abili a fare le cose impossibili agli uomini carnali, come il perdonare, crocifiggendo la carne anche rinunciando all’orgoglio, oppure restando fedeli a DIO anche a costo di essere martirizzati. Ecco perché l’unzione ci viene data da DIO per essere luce nelle tenebre del mondo.

La razionalità mette dei freni alla comprensione delle cose di DIO, ma l’unzione che procede da DIO è quella che ci rende abili a fare cose soprannaturali, come successe a Gesù quando camminò sulle acque nel mare in tempesta, o quando Filippo fu teletrasportato in un altro luogo.

Isaia 10:27 In quel giorno, il suo carico ti cadrà dalle spalle, e il suo giogo dal collo; il giogo sarà scosso dalla tua forza rigogliosa.

 

Qui il profeta spiega bene che cosa è e fa l’unzione di DIO. L’Eterno ci toglie il giogo dalle spalle cioè ci toglie tutto ciò che appesantisce la nostra vita e lo distrugge con l’unzione dell’olio.

La dipendenza dalla ragione ci impedisce di agire in fede come DIO vuole. Non a caso Gesù ci ha detto di non temere ma di credere solamente, come lo disse ad Iairo quando ricevette la notizia della morte della figlia, che poi Gesù resuscitò. Perciò noi siamo umani ma con la natura divina perché siamo unti da DIO.

 

Geremia 1:4 La parola del SIGNORE mi fu rivolta in questi termini: 5 «Prima che io ti avessi formato nel grembo di tua madre, io ti ho conosciuto; prima che tu uscissi dal suo grembo, io ti ho consacrato e ti ho costituito profeta delle nazioni». 6 Io risposi: «Ahimè, Signore, DIO, io non so parlare, perché non sono che un ragazzo». 7 Ma il SIGNORE mi disse: «Non dire: "Sono un ragazzo", perché tu andrai da tutti quelli ai quali ti manderò, e dirai tutto quello che io ti comanderò. 8 Non li temere, perché io sono con te per liberarti», dice il SIGNORE. 9 Poi il SIGNORE stese la mano e mi toccò la bocca; e il SIGNORE mi disse: «Ecco, io ho messo le mie parole nella tua bocca. 10 Vedi, io ti stabilisco oggi sulle nazioni e sopra i regni, per sradicare, per demolire, per abbattere, per distruggere, per costruire e per piantare».

 

E’ DIO che ci mette in bocca cosa dire, ecco perché non dobbiamo fidarci della nostra conoscenza perché DIO ci unge, diremo le parole giuste. Per essere unti dall’Eterno dobbiamo prima rimuovere tutto quello che fa parte del passato che va sostituito con quello che DIO vuole metterci.

Quindi, quello che il Signore ha fatto con Geremia, lo ha fatto anche con noi, cioè ci ha dato, prima ancora che nascessimo, quello che avremmo detto dopo aver ricevuto la sua unzione.

L’unzione può essere neutralizzata dalla confidenza che si con l’unto: vedi Gesù che non poté fare alcun miracolo nella sua città di nascita Nazareth.

La domanda e l’offerta generano il prezzo: chi ha l’unzione è rappresenta l’offerta, la domanda è la persona che ha bisogno di essere toccato dall’unto, questo è quello che è successo a Gesù quando è andato in luoghi diversi da quello in cui era nato.

Dio equipaggia, cioè riveste, i chiamati perché Egli usa le cose che non sono per svergognare le cose che sono.

 

2 Corinzi 1:21 Or colui che con voi ci fortifica in Cristo e che ci ha unti, è Dio; 22 egli ci ha pure segnati con il proprio sigillo e ha messo la caparra dello Spirito nei nostri cuori.

 

Ognuno di noi ha l’unzione di re e sacerdote, per essere ambasciatore di DIO sulla terra, facendo le cose, anche piccole, che legge nella Parola di DIO praticandole ogni giorno.

 

Ebrei 2:17 Perciò, egli doveva diventare simile ai suoi fratelli in ogni cosa, per essere un misericordioso e fedele sommo sacerdote nelle cose che riguardano Dio, per compiere l'espiazione dei peccati del popolo.

 

Per questo Gesù è stato spogliato, quando era sulla terra, della sua potenza per ricevere la potenza di DIO, di volta in volta, per essere reso simile ai fratelli cioè a tutti coloro che credono nel Padre. Dobbiamo essere resi empatici cioè sensibili verso i bisogni degli altri, per manifestare l’amore di DIO, in quanto siamo stati unti in Cristo Gesù. DIO mette l’unzione per accreditarci verso gli altri; dobbiamo stare attenti a non auto accreditarci perché questo sarebbe solo fumo negli occhi e niente di sostanzioso.

 

Atti 2:22 Uomini d'Israele, ascoltate queste parole! Gesù il Nazareno, uomo che Dio ha accreditato fra di voi mediante opere potenti, prodigi e segni che Dio fece per mezzo di lui, tra di voi, come voi stessi ben sapete,

 

Gesù stesso è il nostro esempio: DIO ci accredita quando la nostra motivazione è santa nei confronti dei bisognosi ed abbiamo il cuore aperto verso l’Eterno.

 

1 Giovanni 2:20 Quanto a voi, avete ricevuto l'unzione dal Santo e tutti avete conoscenza.

 

1 Giovanni 2:27 Ma quanto a voi, l'unzione che avete ricevuta da lui rimane in voi, e non avete bisogno dell'insegnamento di nessuno; ma siccome la sua unzione vi insegna ogni cosa ed è veritiera, e non è menzogna, rimanete in lui come essa vi ha insegnato.

 

Questa è l’unzione dell’uomo nuovo che rimane sempre con noi e che ci dà il giusto discernimento e che dipende dalla comunione con DIO per funzionare. Oltre alla domanda e l’offerta, c’è anche l’interscambio in cui ognuno di noi deve cedere il controllo che, invece, deve prendere DIO.

Quindi tornare ad essere come piccoli fanciulli e dipendere dal Padre, non facendo niente da noi stessi. In pratica, affinché DIO sia innalzato.

 

Matteo 11:3 «Sei tu colui che deve venire, o dobbiamo aspettare un altro?» 4 Gesù rispose loro: «Andate a riferire a Giovanni quello che udite e vedete: 5 i ciechi ricuperano la vista e gli zoppi camminano; i lebbrosi sono purificati e i sordi odono; i morti risuscitano e il vangelo è annunciato ai poveri. 6 Beato colui che non si sarà scandalizzato di me!»

 

Luca 4:18 «Lo Spirito del Signore è sopra di me, perciò mi ha unto per evangelizzare i poveri;

mi ha mandato per annunciare la liberazione ai prigionieri e il ricupero della vista ai ciechi;

per rimettere in libertà gli oppressi,19 per proclamare l'anno accettevole del Signore».

 

L’unzione che DIO ci ha messo sopra, serve proprio per tutto questo; per adempiere queste cose quando DIO ci equipaggia con l’unzione quando siamo disposti a servirlo; Egli ci vuole accreditare ma noi dobbiamo volerlo con umiltà e desiderio di avvicinarci a Lui.

 

Matteo 8:2 Ed ecco un lebbroso, avvicinatosi, gli si prostrò davanti, dicendo: «Signore, se vuoi, tu puoi purificarmi». 3 Gesù, tesa la mano, lo toccò dicendo: «Lo voglio, sii purificato». E in quell'istante egli fu purificato dalla lebbra.

 

Perciò prendiamo coscienza che siamo stati chiamati per essere unti al momento giusto per fare ciò che DIO ci ordina, essendo ripieni di umiltà e di Spirito Santo. Amen.

Cerca

Classe post incontro

Dalla seconda settimana di Febbraio avrà inizio la classe di preparazione al discepolato del post incontro, che incoraggia i partecipanti che hanno fatto l'incontro recentemente a consolidare la Parola ricevuta e l'impartizione, a non perdere le benedizioni che lo Spirito Santo ha già elargito per affrontare il mondo da guerrieri più che vincitori. Gli studi saranno fatti ogni Venerdì alle ore 19:30 Insegnante: Pastore Pina Cavallo

Scuola di formazione biblica 2'liv.

Ogni Venerdì alle ore 19:30 vengono impartiti degli insegnamenti atti a consolidare la fede cristiana e ad incoraggiare ogni discepolo a cercare la propria chiamata nel proposito di Dio. Vi possono partecipare i battezzati in acqua e coloro che sono membri effettivi della Chiesa, predisposti ad essere discepolati. Si richiede l'aver partecipato alla classe di 1' livello.

Porte aperte

Compassion

Fai la tua donazione con bonifico bancario

CONTO SU BANCA INTESA SAN PAOLO

BENEFICIARIO: A.C.A.P.

(Associazione Cristiana Aiuto prossimo)

IBAN:

IT37T0306909606100000067488