f t g m
  • ISPICA

  • Pastori fondatori

  • Interno della sala di culto

  • Esterno della CHIESA

Copyright 2022 - Custom text here

CONSEGUENZE DELL'ESSERE ACCETTATI

 

1 GIOVANNI 3:1 Vedete quale amore il Padre ha profuso su di noi, facendoci chiamare figli di Dio. La ragione per cui il mondo non ci conosce è perché non ha conosciuto lui.

 

L’ordine nella nostra vita va messo a prescindere perché DIO ama l’ordine, così come ha fatto sin dall’inizio della creazione. Ma Gesù ci ha detto che chiunque ha sete può andare alla presenza del Padre perché siamo accettati da Lui, così come siamo e poi sarà il nostro cammino accanto a Gesù stesso che ci aiuterà a migliorare.

Infatti, siamo diventati figli adottati da DIO Padre per il semplice fatto che abbiamo ricevuto Gesù nel cuore e creduto che Lui ci ha sostituito in croce e lo abbiamo scelto come Signore della nostra vita e deciso di servirlo liberamente.

 

GIOVANNI 1:11  Egli è venuto in casa sua, e i suoi non lo hanno ricevuto, 12 ma a tutti coloro che lo hanno ricevuto, egli ha dato l'autorità di diventare figli di Dio, a quelli cioè che credono nel suo nome, 13 i quali non sono nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà di uomo, ma sono nati da Dio.

 

GALATI 4:6 Ora perché voi siete figli, Dio ha mandato lo Spirito del Figlio suo nei vostri cuori che grida: «Abba, Padre».

 

Sappiamo di essere in comunione con DIO ed è lo Spirito Santo che ci attesta questo. Questo ci rende onorati nel servirlo e gioiosi nell’aiutare gli altri per amore.

 

EFESINI 1:3 Benedetto sia Dio, Padre del Signor nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei luoghi celesti in Cristo, 4 allorché in lui ci ha eletti prima della fondazione del mondo, affinché fossimo santi e irreprensibili davanti a lui nell'amore, 5 avendoci predestinati ad essere adottati come suoi figli per mezzo di Gesù Cristo secondo il beneplacito della sua volontà,

 

Al versetto 5 comprendiamo che noi siamo stati predestinati ad essere figli adottati. DIO è il nostro papà affettuoso e disponibile ad ascoltarci ed a provvedere quello di cui abbiamo bisogno. Lui è il nostro Papà e non c’è bisogno di avere un posto particolare dove invocarlo; per questo dobbiamo rinnovare la nostra mente e non sentirci in colpa per essere stati mancanti, perché basta chiedere perdono a DIO sinceramente ed Egli ci riceverà. Stiamo attenti a discernere la voce di DIO da quella del diavolo; quest’ultimo, infatti, ci accuserà sempre e ci farà sempre sentire in colpa e mancanti davanti al Padre nostro.

Nella parabola del figliol prodigo al capitolo 15 di Luca, il fratello del figlio prodigo si lamentò con il padre perché aveva organizzato una festa per festeggiare colui che aveva dissipato tutti i suoi beni ed era tornato a casa in totale povertà;

 

LUCA 15:31 Allora il padre gli disse: "Figlio, tu sei sempre con me, e ogni cosa mia è tua.

 

Qui DIO ci sta dicendo che tutto ciò che appartiene al Padre, appartiene anche a noi perché siamo figli adottati ed abbiamo bisogno di tutto quello che ci serve per onorarlo.

 

ROMANI 8:17 E se siamo figli, siamo anche eredi, eredi di Dio e coeredi di Cristo, se pure soffriamo con lui per essere anche con lui glorificati.

 

Siamo coeredi con Cristo, perciò quello che appartiene a Gesù, appartiene anche a noi, perché così Gesù ha voluto. Ma è vero anche che dobbiamo soffrire a causa dell’opposizione dello spirito di questo mondo, che ci fa odiare da coloro che non conoscono DIO e vivono nella tenebre, mentre noi siamo luce che illumina il disordine che regna in queste persone che parlano in modo volgare e che approvano le scelte libertine che in questi ultimi tempi il mondo ha deciso di seguire.

 

1 GIOVANNI 3:13 Non vi meravigliate, fratelli miei, se il mondo vi odia.

 

Il mondo ci odia in quanto siamo figli della luce ed apparteniamo a DIO, e non al diavolo. Per questo tutto quello che è di DIO è anche nostro.

 

AGGEO 2:8 "Mio è l'argento e mio è l'oro", dice l'Eterno degli eserciti.

 

Quindi se siamo figli di DIO non ci dobbiamo sentire in colpa se Lui ci ha benedetti e ci benedice con oggetti d’oro o d’argento. Per questo possiamo andare a DIO per chiedere le benedizioni come la guarigione dalle malattie, che è pane per i figli, anche se DIO è sovrano ed a Lui spetta l’ultima parola perché solo Lui sa cosa è meglio per noi e quale sia il Suo progetto per noi.

Il popolo d’Israele quando è uscito dall’Egitto uscì ricco, pieno di oro e di argento e non uscì povero, proprio perché era stato benedetto da DIO.

 

GENESI 24:35 L'Eterno ha benedetto abbondantemente il mio signore, che è divenuto grande; gli ha dato pecore e buoi, argento e oro, servi e serve, cammelli e asini.

 

Questa è la condizione delle persone che sono benedette da DIO. E’ importante però, condividere anche con gli altri poiché sta scritto che DIO benedice coloro che benedicono.

 

GIOVANNI 16:7 Tuttavia io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché se non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore; ma se me ne vado, io ve lo manderò.

 

Gesù ci ha lasciato lo Spirito Santo che è vicino a noi, dovunque ci troviamo.

 

GIOVANNI 14:26 ma il Consolatore, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che vi ho detto.

 

E’ LO Spirito Santo che ci rivela le cose che DIO ha preparato per noi, dopo aver adorato e lodato il Signore, ed essere stati poi in silenzio alla presenza di DIO, comunicando nello spirito.

Lo Spirito Santo è in comunione con Gesù che è il capo della chiesa ed è anche in comunione con noi, se stiamo alla Sua presenza, così potremo adempiere il grande mandato.

un’altra conseguenza dell’essere accettati è la liberazione dalle maledizioni della legge.

 

GALATI 3:13 Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, essendo diventato maledizione per noi (poiché sta scritto: «Maledetto chiunque è appeso al legno»), 14 affinché la benedizione di Abrahamo pervenisse ai gentili in Cristo Gesù, perché noi ricevessimo la promessa dello Spirito mediante la fede.

 

Perciò la maledizione della legge non ci appartiene e dobbiamo scrollarci tutte le maledizioni, ripetendo e confessando la Parola di DIO che dice che non c’è nessuna condanna per coloro che sono in Cristo Gesù e chiedendo allo Spirito Santo di aiutarci ad essere quello che DIO vuole che siamo, accettando la Verità della Sua Parola.

 

1 GIOVANNI 3:1  Vedete quale amore il Padre ha profuso su di noi, facendoci chiamare figli di Dio. La ragione per cui il mondo non ci conosce è perché non ha conosciuto lui. 2 Carissimi, ora siamo figli di Dio, ma non è ancora stato manifestato ciò che saremo; sappiamo però che quando egli sarà manifestato, saremo simili a lui, perché lo vedremo come egli è.

 

Noi lo vedremo e saremo come Lui, quindi DIO non ci disprezza ma lo fa il mondo che è servo di satana.

 

GIOVANNI 14:18

 

In questo tempo particolare ancor più il mondo non vede Gesù ma Lui vede tutto ed attraverso la persona dello Spirito Santo fa succedere quello che Lui vuole.

Noi sentiamo e percepiamo lo Spirito Santo ed il nostro cuore riposa, nonostante le circostanze, perché Lui è accanto a noi e si manifesta in noi.

I su citati versetti sono rivolti a coloro che amano Gesù ed amano di conseguenza anche i loro nemici e non solo amano coloro che li amano.

Infatti è difficile umanamente fare questo, perciò abbiamo bisogno per farlo anche noi, dell’aiuto dello Spirito Santo vivendo una vita di preghiera e di intima comunione con DIO. Perciò cambiamo il nostro modo di parlare e di pensare per assomigliare sempre di più a Gesù. Amen.

 

 

Cerca

Classe post incontro

Dalla seconda settimana di Febbraio avrà inizio la classe di preparazione al discepolato del post incontro, che incoraggia i partecipanti che hanno fatto l'incontro recentemente a consolidare la Parola ricevuta e l'impartizione, a non perdere le benedizioni che lo Spirito Santo ha già elargito per affrontare il mondo da guerrieri più che vincitori. Gli studi saranno fatti ogni Venerdì alle ore 19:30 Insegnante: Pastore Pina Cavallo

Scuola di formazione biblica 2'liv.

Ogni Venerdì alle ore 19:30 vengono impartiti degli insegnamenti atti a consolidare la fede cristiana e ad incoraggiare ogni discepolo a cercare la propria chiamata nel proposito di Dio. Vi possono partecipare i battezzati in acqua e coloro che sono membri effettivi della Chiesa, predisposti ad essere discepolati. Si richiede l'aver partecipato alla classe di 1' livello.

Porte aperte

Compassion

Fai la tua donazione con bonifico bancario

CONTO SU BANCA INTESA SAN PAOLO

BENEFICIARIO: A.C.A.P.

(Associazione Cristiana Aiuto prossimo)

IBAN:

IT37T0306909606100000067488