f t g m
  • ISPICA

  • Pastori fondatori

  • Interno della sala di culto

  • Esterno della CHIESA

Copyright 2022 - Custom text here

EDIFICARE SENZA PREGIUDIZI

CLICCA PER VEDERE IL FILMATO

 

LUCA 8:26  Approdarono nel paese dei Gerasèni, che sta di fronte alla Galilea. 27 Quando egli fu sceso a terra, gli venne incontro un uomo della città: era posseduto da demòni e da molto tempo non indossava vestiti, non abitava in una casa, ma stava fra le tombe. 28 Appena vide Gesù, lanciò un grido, si inginocchiò davanti a lui e disse a gran voce: «Che c'è fra me e te, Gesù, Figlio del Dio Altissimo? Ti prego, non tormentarmi». 29 Gesù, infatti, aveva comandato allo spirito immondo di uscire da quell'uomo, di cui si era impadronito da molto tempo; e, anche quando lo legavano con catene e lo custodivano in ceppi, spezzava i legami, e veniva trascinato via dal demonio nei deserti.

 

Quest’uomo non poteva stare in mezzo alla gente proprio per la sua condizione, infatti, era posseduto da una legione di seimila demoni.

La malattia o la discordia sono un germe distruttivo che il diavolo lascia nelle persone. Si tratta di spiriti che entrano nelle persone quando vogliono conoscere il mondo dello spirito rivolgendosi a persone sbagliate e di conseguenza entrano in situazioni devastanti.

I primi spiriti da combattere sono i cattivi pensieri che entrano nella nostra mente e ci dicono che non siamo amati e che nessuno ci capisce. Ma DIO ama i Suoi figli e non vuole che pronuncino parole di scoraggiamento. Questi spiriti possono essere cacciati usando l’autorità che Gesù ci ha dato, ordinando nel Suo nome che essi escano dal nostro corpo e da quello degli altri, se lo vogliono.

 

Luca 8:34 Coloro che li custodivano videro ciò che era avvenuto, se ne fuggirono e portarono la notizia in città e per la campagna. 35 La gente uscì a vedere l'accaduto; e, venuta da Gesù, trovò l'uomo, dal quale erano usciti i demòni, che sedeva ai piedi di Gesù, vestito e sano di mente; e si impaurirono. 36 Quelli che avevano visto, raccontarono loro come l'indemoniato era stato liberato. 37 L'intera popolazione della regione dei Gerasèni pregò Gesù che se ne andasse via da loro; perché erano presi da grande spavento. Egli, salito sulla barca, se ne tornò indietro.

 

I demoni furono cacciati da Gesù ed entrarono nei maiali che si buttarono giù dal precipizio. Gesù usò i maiali perché l’allevamento di maiali non era permesso dalla legge ebraica.

Chi ha paura, non sta facendo regnare Cristo nella sua vita e non ha una mente sana perché altrimenti non avrebbe paura e saprebbe riconoscere le bugie del diavolo che vorrebbero entrare e restare nella sua mente. Il nemico usa, anche, pensieri che ci procurano ricordi che ci provocano dolori nell’anima, perciò non dobbiamo dare luogo ad essi.

 

LUCA 8:38 L'uomo dal quale erano usciti i demòni, lo pregava di poter restare con lui, ma Gesù lo rimandò, dicendo: 39 «Torna a casa tua, e racconta le grandi cose che Dio ha fatte per te». Ed egli se ne andò per tutta la città, proclamando tutto quello che Gesù aveva fatto per lui.

 

L’uomo ormai liberato dai demoni, avrebbe voluto restare con Gesù ma il Signore lo arruolò subito, invece, come missionario per andare a raccontare le grandi cose che DIO aveva fatto per lui.

Questo è quello che dobbiamo fare anche noi, dopo che abbiamo sperimentato la grandezza di DIO per quello che ha fatto in noi e per noi.

Solo in Gesù Cristo c’è la salvezza e questo va testimoniato tra la gente.

Gesù è colui che viene a sconvolgere il metodo tradizionale di insegnare le persone, dando a tutti il compito di testimoniare ciò che Lui ha fatto nelle loro vite e dando ad essi anche l’autorità di cacciare i demoni nel Suo nome, poiché Lui agisce attraverso di noi. Tutto questo va fatto con amore perché il diavolo non sopporta l’amore ed il perdono che è un altro comandamento lasciatoci da Gesù.

Nella città di Gadara, dove l’indemoniato fu liberato, c’era un dominio di demoni su tutti i cittadini, per questo l’uomo liberato divenne uno strumento di DIO per liberare gli altri attraverso la sua testimonianza.

Gesù è venuto per riportare ordine nel mondo, stabilendolo testimoniando della Verità di DIO con amore. Questo può avvenire se noi ci arrendiamo a DIO e scegliamo di essere Suoi collaboratori. Per tutto questo ci vuole sapienza, pazienza e grazia dell’Eterno al fine di essere guidati dallo Spirito Santo.

Il Signore non cerca persone ricche di conoscenza e sapienza del mondo ma cerca l’attitudine dei piccoli fanciulli in ognuno che desidera servirlo ed essere Suo collaboratore. Così Gesù scelse i 12 discepoli.

 

MATTEO 15:2 «Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Poiché non si lavano le mani quando prendono cibo».

 

Probabilmente questo accadeva all’epoca perché tutti si lavavano le mani nella stessa bacinella con la stessa acqua, infatti non esisteva l’acqua corrrente.

 

LUCA 11:37  Mentre egli parlava, un fariseo lo invitò a pranzo da lui. Egli entrò e si mise a tavola. 38 Il fariseo, veduto questo, si meravigliò che non si fosse lavato prima del pranzo. 39 Il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l'esterno della coppa e del piatto, ma il vostro interno è pieno di rapina e di malvagità. 40 Stolti, Colui che ha fatto l'esterno, non ha fatto anche l'interno?

 

Gesù ci dice che ciò che contamina è ciò che è dentro di noi. Per questo dobbiamo lavarci dentro cioè pulire il nostro spirito riempiendoci della Parola di DIO e buttando fuori le bugie del nemico.

Abbiamo bisogno di uscire dalle tradizioni della legge religiosa di questo mondo e fare tutte le cose con la motivazione dell’amore.

 

MARCO 6:7 Poi chiamò a sé i dodici e cominciò a mandarli a due a due; e diede loro potere sugli spiriti immondi.

 

MARCO 6:12  E, partiti, predicavano alla gente di ravvedersi; 13 scacciavano molti demòni, ungevano d'olio molti infermi e li guarivano.

 

LUCA 6:46-48 Poi cominciarono a discutere su chi di loro fosse il più grande. 47 Ma Gesù, conosciuto il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo pose accanto e disse loro: 48 «Chi riceve questo bambino nel nome mio, riceve me; e chi riceve me, riceve Colui che mi ha mandato. Perché chi è il più piccolo tra di voi, quello è grande».

 

Gesù non rimprovera colui che desidera cose grandi ma allo stesso tempo insegna che le dispute sono carnali e non vengono da DIO ma dal diavolo che vuole mettere divisione.

Nel versetto su citato il Signore insegna che l’attitudine che dobbiamo avere è quella dei piccoli fanciulli, questi sono fedeli e semplici, pronti a ricevere la Parola di DIO con umiltà, senza malignità ed essendo grandi nella sapienza.

 

1 PIETRO 1:18 sapendo che non con cose corruttibili, con argento o con oro, siete stati riscattati dal vostro vano modo di vivere tramandatovi dai vostri padri,

 

Abbandoniamo, perciò, gli schemi del mondo e le sue tradizioni, e viviamo secondo quanto ci ha insegnato Gesù, facendo sempre cose diverse e predicando la Parola di DIO secondo il bisogno delle persone ed essendo guidati dallo Spirito Santo.

 

LUCA 9:49 Allora Giovanni disse: «Maestro, noi abbiamo visto un tale che scacciava i demòni nel tuo nome, e glielo abbiamo vietato perché non ti segue con noi». 50 Ma Gesù gli disse: «Non glielo vietate, perché chi non è contro di voi è per voi».

 

Per andare spiritualmente dietro Gesù non c’è bisogno di appartenere ad una specifica denominazione ma combattere contro chi rifiuta la Verità di DIO e non combattere tra di noi pensando di essere migliori degli altri.

 

LUCA 9:52 Mandò davanti a sé dei messaggeri, i quali, partiti, entrarono in un villaggio dei Samaritani per preparargli un alloggio. 53 Ma quelli non lo ricevettero perché era diretto verso Gerusalemme. 54 Veduto ciò, i suoi discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che un fuoco scenda dal cielo e li consumi?» 55 Ma egli si voltò verso di loro e li sgridò. 56 E se ne andarono in un altro villaggio.

 

DIO ama tutti gli uomini in quanto Sue creature e desidera, fino all’ultimo, che siano salvati. Quindi, non ci ergiamo a giudici e giustizieri ma dobbiamo seguire l’esempio di Gesù che amò Pietro anche se sapeva che lo avrebbe rinnegato per ben tre volte; Gesù stesso aveva pregato per lui ben prima che accadesse.

Perciò, non seguiamo lo Spirito di accusa e di condanna ma lo Spirito di Gesù che ama e perdona, rompendo gli schemi religiosi ed essendo ripieni della grazia di DIO. Amen.

 

Cerca

Classe post incontro

Dalla seconda settimana di Febbraio avrà inizio la classe di preparazione al discepolato del post incontro, che incoraggia i partecipanti che hanno fatto l'incontro recentemente a consolidare la Parola ricevuta e l'impartizione, a non perdere le benedizioni che lo Spirito Santo ha già elargito per affrontare il mondo da guerrieri più che vincitori. Gli studi saranno fatti ogni Venerdì alle ore 19:30 Insegnante: Pastore Pina Cavallo

Scuola di formazione biblica 2'liv.

Ogni Venerdì alle ore 19:30 vengono impartiti degli insegnamenti atti a consolidare la fede cristiana e ad incoraggiare ogni discepolo a cercare la propria chiamata nel proposito di Dio. Vi possono partecipare i battezzati in acqua e coloro che sono membri effettivi della Chiesa, predisposti ad essere discepolati. Si richiede l'aver partecipato alla classe di 1' livello.

Porte aperte

Compassion

Fai la tua donazione con bonifico bancario

CONTO SU BANCA INTESA SAN PAOLO

BENEFICIARIO: A.C.A.P.

(Associazione Cristiana Aiuto prossimo)

IBAN:

IT37T0306909606100000067488