f t g m
  • ISPICA

  • Pastore

  • Interno della sala di culto

  • Esterno della CHIESA

Copyright 2024 - Custom text here

Testi scritti predicazioni domenicali

 

GEREMIA 1:11 Poi la parola dell'Eterno mi fu rivolta, dicendo: «Geremia, che cosa vedi?». Io risposi: «Vedo un ramo di mandorlo».

 

DIO parlava spesso con Geremia, dopo avergli dato una visione, ma parla, oggi anche a noi, perché vuole far sviluppare il nostro spirito; infatti chiese a Geremia cosa vedesse, prima di tutto nel mondo fisico che è un mondo reale ma anche cosa vedesse nel mondo spirituale, poiché quest’ultimo è un mondo molto più reale di quello fisico. Il mondo fisico finirà ma non finirà il mondo spirituale e noi siamo creature spirituali. DIO è spirito perciò ci parla nello spirito e ci fa vedere nello spirito; inoltre, come tali siamo chiamati a sviluppare il nostro spirito per crescere nella fede e per compiere la Sua volontà.

Tutti coloro che servono DIO o che lo hanno servito in passato, tra cui anche Gesù, lo servono nello spirito, il che significa che abbiamo comunione con Colui che non si vede nel mondo fisico ma del quale sentiamo la presenza. Inoltre, DIO ci fa vedere nello spirito e ci dà comprensione di quello che ci fa vedere per darci un messaggio ben preciso. A Geremia disse che Lui vigilava sulla Sua Parola e lo dice anche a noi, oggi. DIO non dimentica ciò che ha detto e quello che ha detto accadrà. Quindi, possiamo affermare che DIO oltre a parlarci, vuole rafforzare la Sua Parola dentro di noi anche mostrandocela.

 

GEREMIA 1:13  La parola dell'Eterno mi fu rivolta per la seconda volta, dicendo: «Che cosa vedi?». Io risposi: «Vedo una pentola che bolle e ha la bocca volta nella direzione opposta al nord». 14 L'Eterno mi disse: «Dal nord la calamità si rovescerà su tutti gli abitanti del paese. 15 Poiché, ecco, io sto per chiamare tutti i popoli dei regni del nord, dice l'Eterno. Essi verranno e porranno ognuno il suo trono all'ingresso delle porte di Gerusalemme, contro tutte le sue mura, tutt'intorno, e contro tutte le città di Giuda. 16 Allora pronuncerò i miei giudizi contro di loro, a motivo di tutta la loro malvagità, perché mi hanno abbandonato e hanno bruciato incenso ad altri dèi e si sono prostrati davanti all'opera delle loro mani. 17 Perciò cingiti i lombi, lèvati e di' loro tutto ciò che ti comanderò. Non sgomentarti davanti a loro, affinché non ti renda sgomento davanti a loro.

 

La pentola che bolle è in realtà un giudizio che DIO stava mandando su Israele perché avevano voltato le spalle a DIO, si erano lasciati andare, si erano prostrati dinanzi ad altri dei, avevano dimenticato l’ubbidienza all’Eterno e per questo persero le promesse e si attirarono il Suo giudizio, che permise ad altri popoli di regnare su Gerusalemme.

DIO diede a Geremia questa visione per dargli forza; forza che gli sarebbe servita per dire al popolo che si era allontanato dall’Eterno, che Lui stava facendo venire un giudizio su di loro e che molti sarebbero stati portati via da DIO, coloro che erano rimasti fedeli a Lui, mentre tutti gli altri che si sarebbero ostinati a sottomettersi ad altri dei, avrebbero dovuto subire il giudizio di DIO; Per questo motivo Egli fece vedere a Geremia la pentola che bolle che simboleggia il giudizio di DIO che stava per venire sul popolo; popolo che non sarebbe stato d’accordo ad udire quanto Geremia avrebbe detto. DIO dette la visione per incoraggiare Geremia a parlare ed a non aver paura di quello che il popolo gli avrebbe fatto cercando di intimorirlo.

Quindi, DIO ci da la visione per farci comprendere quale sia la Sua volontà che dobbiamo adempiere; volontà spesso che non ha a che fare con il ricevere l’applauso da parte degli uomini per quanto facciamo, anzi tutt’altro, ma se desideriamo ubbidire a DIO dobbiamo aspettarci la persecuzione. Del resto Gesù stesso ci ha detto che nel mondo avremo tribolazioni mentre Lo serviremo parlando ai perduti per dar loro l’opportunità di salvarsi dalla perdizione eterna. Per fare questo, dobbiamo chiedere al Signore di darci la forza in questo tempo perché, quando proclamiamo la Parola di DIO, siamo considerati come portatori di odio, poiché vogliamo avvertire le persone di uscire dalla perversione che regna in questo mondo; il diavolo sta preparando tutto per la venuta dell’anticristo, l’uomo che illuderà la maggior parte della gente e formerà un unico governo a livello mondiale; le persone devono sapere che sta per arrivare un giudizio sul mondo da parte di DIO e che se vogliono salvarsi, si devono ravvedere e piegare le ginocchia dinanzi a Cristo Gesù, perché il tempo è vicino …

 

GEREMIA 24:3  Allora l'Eterno mi disse: «Che cosa vedi, Geremia?». Io risposi: «Dei fichi; i fichi buoni sono molto buoni, mentre quelli cattivi sono molto cattivi, tanto cattivi che non si possono mangiare». 4 La parola dell'Eterno mi fu nuovamente rivolta, dicendo: 5 «Così dice l'Eterno, il DIO d'Israele: Come questi fichi sono buoni, così io avrò cura di quelli di Giuda portati in cattività, che io ho scacciato da questo luogo nel paese dei Caldei per il loro bene. 6 Io poserò con favore i miei occhi su di loro e li ricondurrò in questo paese, li farò prosperare e non li distruggerò più, li pianterò e non li sradicherò più. 7 Darò loro un cuore per conoscere me che sono l'Eterno; essi saranno il mio popolo e io sarò il loro DIO, perché ritorneranno a me con tutto il loro cuore.

 

Ancora una volta DIO diede a Geremia una visione e poi spiegò cosa significasse; i fichi buoni rappresentano coloro che stavano ubbidendo all’Eterno e, comprendendo di aver sbagliato, meritavano tale giudizio divino; di questi l’Eterno ebbe misericordia. Tra questi ricordiamo il profeta Daniele ed i suoi amici che si presero le colpe del popolo ma mostrarono che il loro DIO è il DIO vivente, rispetto a tutti gli altri dei che erano morti.

Vedere nello spirito ci fa comprendere il proposito di DIO e ci aiuta a realizzarlo, poiché comprendiamo cosa Lui sta per fare e la motivazione per cui lo fa. Infatti, un conto è riferire ciò che si è udito ed un conto è riferire ciò che si è visto ed udito.

Il vedere ciò che DIO vede, aiuta a sviluppare la fede, produce franchezza e coraggio per parlare, senza aver alcun timore per quello che gli altri potrebbero farci; il mondo preferisce ascoltare le favole e le bugie del nemico, rifiutando la Verità di DIO che va comunque detta, costi quel che costi; solo così

Cosa vedi per la tua vita spirituale? Cosa vedi che DIO ti sta dando affinché tu lo serva con fedeltà, sapendo che Lui è sempre vicino e non ti lascerà mai? Gesù stesso ci ha fatto la promessa che sarà sempre con noi, fino alla fine dell’età presente.

Perciò, per sviluppare la nostra immaginazione spirituale chiediamo aiuto a DIO, affinché vediamo nel mondo spirituale e comprendiamo il proposito che Lui ha per noi. Amen.

 

 

 

 

 

Sottocategorie

Visualizza n. 
Titolo Data pubblicazione Autore Visite
Mi sarete testimoni 20 Dicembre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1645
Combattere pregando 13 Dicembre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1555
La fede combatte 06 Dicembre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1669
Fede e ubbidienza 29 Novembre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1569
La salvezza è nel riposo 22 Novembre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1772
Il riposo di Dio 15 Novembre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1935
Ciò che sei e ciò che hai 08 Novembre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1709
LA GUARIGIONE DIVINA 01 Novembre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1913
Noi possiamo 25 Ottobre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1686
L'invisibile 18 Ottobre 2015 Scritto da Liliana Aloini 1655

Cerca

Classi di studio anno 2022 - 2023

Si informa che le classi di studio attive in questo periodo sono:

Classe di preparazione per neofiti

Classe del Primo livello

Classe del Terzo livello

Scuola di formazione biblica 2'liv.

Ogni Venerdì alle ore 19:30 vengono impartiti degli insegnamenti atti a consolidare la fede cristiana e ad incoraggiare ogni discepolo a cercare la propria chiamata nel proposito di Dio. Vi possono partecipare i battezzati in acqua e coloro che sono membri effettivi della Chiesa, predisposti ad essere discepolati. Si richiede l'aver partecipato alla classe di 1' livello.

Porte aperte

Compassion

Fai la tua donazione con bonifico bancario

CONTO SU BANCA INTESA SAN PAOLO

BENEFICIARIO: A.C.A.P.

(Associazione Cristiana Aiuto prossimo)

IBAN:

IT37T0306909606100000067488